Contenuto principale

Dl 133/2014 “sblocca Italia” in Gazzetta

Decreto “sblocca Italia” - n.  133/2014 - pubblicato nella Gazzetta Ufficiale” n. 212 del 12 settembre 2014:  può avere inizio l'iter parlamentare per la conversione.

Previsto, fra le liberalizzazioni in materia edilizia, oltre il frazionamento o l'accorpamento di unità immobiliari, che anche le opere dirette ad ampliare le superfici senza alterare le volumetrie siano considerate non ristrutturazioni edilizie bensì manutenzioni straordinarie, con il vincolo di una semplice dichiarazione con i soli oneri di urbanizzazione.

Nel provvedimento non è presente la proroga degli incentivi secondo le norme vigenti per ristrutturazione ed efficienza energetica.

E’ stato istituito il bonus che prevede la deduzione Irpef del 20% del prezzo di acquisto dal reddito complessivo delle persone fisiche, per chi nel periodo 2014-2017 acquista immobili abitativi, nuovi o ristrutturati, da imprese di costruzione o ristrutturazione, da cooperative edilizie o dalle ditte che hanno effettuato gli interventi edilizi e li affitta per 8 anni a canone libero, con un importo di affitto inferiore al minore dei canoni previsti dai contratti concordati, dall'eventuale convenzione comunale (stipulata per il rilascio del permesso di costruire) e dall'eventuale canone speciale previsto per le abitazioni nei Comuni ad alta tensione abitativa.

L'agevolazione è riservata agli edifici con destinazione residenziale, che non appartengono alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, non ubicate nelle zone omogenee classificate E, ossia parti del territorio destinate ad usi agricoli, e devono conseguire prestazioni energetiche certificate in classe A o B.

La deduzione, spalmata in otto quote annuali di pari importo, ha un tetto di spesa di 300mila euro, pertanto la deduzione sarà al massimo di 60mila euro.

E’ stata operata una nuova suddivisione della destinazione urbanistica: residenziale e turistico-ricettiva; produttiva e direzionale; commerciale; rurale.

Nasce, inoltre, un nuovo titolo edilizio, ovvero il permesso di costruire convenzionato.